Il monumento di Franco Cilia va rimosso

ASSOCIAZIONE IPAZIA

Atei – agnostici – liberi pensatori – anticlericali

[email protected]

comunicato stampa

Domenica prossima  verrà inaugurato un monumento alle vittime del lavoro ubicato in viale del Fante, di fronte gli uffici della Provincia Regionale. L’opera è stata realizzata dal pittore Franco Cilia, e donata – si dice – gratuitamente alla “comunità”, che l’ha sistemata a proprie spese.

Senza entrare, in questa sede, nel merito di queste “donazioni”, diventate un metodo per farsi pubblicità con le proprie opere a spese della collettività; e senza voler parlare di “chi” decide  e con “quali” criteri l’arredo urbano e quant’altro dovrebbe “abbellire” una città sempre più degradata, imbruttita e ridotta a dormitorio, vorremmo fare delle considerazioni su quest’ultimo esempio di “bello” che si impone alla città.

L’altare-monumento si compone di alcune sagome e di una grande croce, simbolo del cristianesimo, imposto a gente che è morta sul lavoro, facendo sì che le memoria di questi lavoratori rimanga, se non seppellita sotto ad essa, legata ad una croce.

 Noi contestiamo questa scelta, che riteniamo non rispettosa della gente che lavora, la quale – a maggior ragione oggi, nella nostra società sempre più multietnica – non appartiene ad una sola fede religiosa, senza considerare i non credenti – atei, agnostici – che sono una fetta importante della popolazione. Imporre il simbolo cristiano come simbolo onnicomprensivo di tutte le vittime del lavoro è non solo scelta infelice, ma presuntuosa e arrogante, e se di essa ne è responsabile l’autore, ne sono corresponsabili, a maggior ragione, coloro che hanno concessa l’autorizzazione all’esposizione in pubblico.

Le vittime del lavoro vanno ricordate perché sono incappate in inosservanze di leggi e di regole sulla sicurezza; vanno ricordate perché rappresentano una vergogna che ci deve far riflettere per superare la costante di un mondo del lavoro afflitto da rischi, infortuni, invalidità e decessi. Ricordarli con una croce vuole invece spostare il problema sul campo della commiserazione cristiana e pretendere che tutti debbano vederlo in questo modo.

Per questi motivi noi, come associazione di atei, agnostici, liberi pensatori e anticlericali, riteniamo che il monumento di Franco Cilia vada rimosso e che le scelte sempre più frequenti di simboli “religiosi” come arredo urbano, siano rispettose delle diversità religiose e culturali di tutte le componenti della nostra città.

Ragusa, 16-12-2011

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Comunicati e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.